Accanto

Beato l’uomo che ha cura del debole:
nel giorno della sventura il Signore lo libera.

 

Sono l’ultimo e sono servo del fratello,
prossimo al dolore d’altri, come da insegnamento.
Il dolore resta dolore e non so come alleviarlo,
allora lo accudisco, senza sapere se sarà abbastanza.
E la forza passa attraverso le braccia
a spostare corpi pesanti e molli,
a sorreggere i passi incerti dei più deboli.
Posso regalarti  una parola gentile:
vorrei sapessi che ti sono accanto;
posso regalarti  un sorriso, appena accennato:
il tuo dolore merita rispetto.
Sotto alle luci smorte dell’abitacolo
spero di scacciare la solitudine,
sovra tassa richiesta dalla tua condizione,
anche solo per una mezz’ora:
il tempo di portarti a casa.

Annunci

6 thoughts on “Accanto

  1. A volte la vita ci sfida ad affiancare il dolore che ci provoca dolore.
    E dobbiamo conquistare la fermezza, giorno dopo giorno.
    Ho un abbraccio lieve per te, oggi.

  2. il dolore ci trova impreparati ma sa renderci forti
    e aiuta a comprendere che tutto quanto abbiamo è un dono da non sperperare ma da custodire con immensa cura

    ti stringo amica mia
    forte forte

  3. Un sentimento che lacera l’Anima di chi ne è prigioniero.
    “Abbracciare” la Sofferenza” ci aiuta a camminare meglio lungo la strada
    della Vita.
    Grazie di cuore
    Buon fine settimana
    Gina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...